Denis & Tanja Katzer / intervista

ESPLORATORI, AVVENTURIERI E AMBASCIATORI DI MADRE NATURA

Denis e Tanja Katzer viaggiano in tutto il mondo con il loro cane Ajaci. Con il loro progetto “The Great Journey” dal 1991 documentano la nostra vita sul pianeta. Come avventurieri, registi, fotografi e scrittori, hanno già percorso oltre 444.000 chilometri in tutto il mondo. Gran parte di questa distanza è stata coperta a dorso di cammelli, cavalli, elefanti, a piedi o con normali mezzi di trasporto pubblico. Durante i loro viaggi hanno attraversano continenti, incontrano popoli e culture, hanno documentato la contemporaneità con il proposito di trasmetterla alle future generazioni.

Denis & Tanja, qual è l’idea alla base del vostro progetto “The Great Journey”?
Con il progetto “Il Grande Viaggio” celebriamo la 50esima spedizione e come ambasciatori di Madre Terra vogliamo documentare con immagini, filmati e testi come è oggi la nostra terra, come sta cambiando e quanto sia minacciata. In un certo senso vogliamo creare un contrappunto a un mondo che ci supera ogni giorno un po’ più velocemente. Crediamo che i nostri report possano essere una piccola tessera di un grande mosaico, che può aiutarci a riconsiderare noi stessi, a cambiare marcia, ad avere degli obiettivi e a raggiungerli.

Che ruolo gioca la sostenibilità nei vostri viaggi?
E cosa fate per ridurre la vostra impronta ecologica?
Cerchiamo di vivere la sostenibilità in casa e in viaggio. Facciamo acquisti in modo consapevole, usiamo meno plastica possibile, mangiamo il meno possibile carne e se lo facciamo, solo quando sappiamo che l’animale non è stato torturato. Nel nostro progetto “Il Grande Viaggio”, utilizziamo principalmente i mezzi di trasporto locali, oltre alla bicicletta, alla e-bike, al cavallo, ai nostri piedi. Ciò significa che voliamo raramente. Come ambasciatori di Madre Terra è nostro compito documentare tutto questo. Nelle nostre pubblicazioni, segnaliamo ripetutamente le lamentele e riportiamo la caducità della nostra civiltà. Il nostro obiettivo è rendere le persone consapevoli che la Madre Terra è viva, che non è morta e che dobbiamo proteggerla per le generazioni future. Per noi è importante che anche i bambini del futuro sentano il canto degli uccelli, respirino aria pulita e vedano gli alberi crescere. Abbiamo dedicato la nostra vita a questo compito. Inoltre, alcuni anni fa, abbiamo lanciato un progetto di piantumazione di alberi chiamato “Green Vein”. Abbiamo raccolto circa 40.000 € dai nostri partner e appassionati de “Il Grande Viaggio” e ciò corrisponde a piantare circa 8.000 alberi. La spiegazione della nostra “vena verde” si può leggere sul nostro sito web: https://denis-katzer.de/de/gruene-ader

Che ruolo ha avuto il tema della responsabilità e della sostenibilità nella scelta di AKU come partner per le vostre calzature?
Quando abbiamo visto per la prima volta AKU alla fiera dell’outdoor a Monaco qualche anno fa, ci siamo subito sentiti legati al marchio. Il motto “Ci sentiamo socialmente ed ecologicamente parte di un unico ecosistema, ci sentiamo responsabili del suo equilibrio” ci ha colpito nel cuore. Ci è stato subito chiaro che questa azienda sarebbe stata perfetta per la nostra 50esima spedizione. Quando poi abbiamo appreso che la sostenibilità, l’agire responsabile e il riutilizzo delle risorse sono al centro della produzione di AKU, è stato chiaro per noi, come ambasciatori di Madre Terra, che volevamo lavorare con questa azienda. Lo stesso giorno abbiamo iniziato i primi colloqui che hanno portato rapidamente a una cooperazione.

Quale modello AKU è la vostra calzatura preferita?
A me (Tanja, ndr) piace indossare le Riva High GTX ws per i miei giri con il nostro cane nella foresta. Nel nostro tour attuale indossiamo i modelli Alterra GTX (Tanja) e Slope GTX (Denis). Sono calzature leggere e traspiranti con un buon supporto e allo stesso tempo offrono un eccellente comfort di calzata. Le usiamo per guidare le nostre e-bike, andare in montagna, fare escursioni e guidare il nostro veicolo da spedizione. Per le imprese più piccole, ad esempio visitare luoghi o una città, la Bellamont III Plus è un compagno meraviglioso e confortevole.

Pubblicherete un libro nell’ottobre 2021.
Qual è il titolo e cosa può aspettarsi il lettore?
Si intitola: “Norvegia. Direzione Capo Nord. Viaggio su strada con veicolo da spedizione ed e-bike”. Quando abbiamo pianificato di guidare il nostro veicolo da spedizione chiamato Terra Love e le e-bike a Capo Nord, non sapevamo quale paradiso naturale ci stesse aspettando. Senza dubbio una terra di superlativi, una terra di fiordi, cascate, troll, alci, renne, capodogli e l’aurora boreale più bella del mondo. Abbiamo attraversato alcune delle 188 montagne e catene montuose, superato alcuni dei 300 fiumi di montagna in parte impetuosi, molte delle imponenti cascate, dei 50 fiordi e delle 150.000 isole che hanno una costa di oltre 100.000 km.

„Per noi è importante che anche i bambini del futuro sentano il canto degli uccelli, respirino aria pulita e vedano gli alberi crescere. Abbiamo dedicato la nostra vita a questo compito”

Nei vostri viaggi avete visto innumerevoli paesaggi mozzafiato.
C’è qualcosa che vi ha colpito più?
Riteniamo che poter sperimentare la diversità del nostro bellissimo pianeta sia un grande dono e siamo grati di aver già viaggiato in così tanti paesi diversi (92 paesi, ndr) e visto e vissuto tanti paesaggi. Ci sentiamo fortemente legati all’Australia. È lì che batte una parte del nostro cuore. Abbiamo vissuto in Australia per oltre quattro anni. Abbiamo addestrato i cammelli per un anno in modo da poterli guidare da nord a sud e da ovest a est, dall’Oceano Indiano all’Oceano Pacifico per tre anni. Nella spedizione in cammello più lunga (record mondiale) abbiamo percorso 7.000 km ed esplorato paesaggi e deserti incredibilmente belli. Ma anche la vastità della Mongolia, che abbiamo vissuto durante un viaggio a cavallo di 5.000 km. Gli altopiani tibetani hanno lasciato un ricordo indimenticabile. La pianura del Nepal, che abbiamo attraversato con un elefante, è stata come vivere dentro il libro de “Le mille e una notte”. Anche l’impressionante bellezza della Norvegia sarà indimenticabile.

Qual è la cosa più difficile di essere costantemente in viaggio?
Quali problemi quotidiani riserva questa vita?
Tornare a casa è particolarmente duro dopo un lungo viaggio all’estero. A causa dei tempi rapidi, tutto sta cambiando a una velocità enorme. Dopo aver vissuto nei deserti dell’Australia per quattro anni, rientrato a casa ho sofferto di una perdita dell’udito dopo sei settimane. Il motivo era che non riuscivo a stare al passo con la velocità e il cambiamento nella nostra società. Era il passaggio dall’era analogica a quella digitale che ci mancava nel deserto. Una diapositiva (pellicola invertibile che oggi quasi nessuno conosce) è diventata un JPG o TIFF. Non potevo fare nulla con i nuovi termini e non capivo più il mondo. Era come se dalla banchina della ferrovia, tutti i viaggiatori salissero su un treno che corre a 250 km/h. Nessuno di loro avrebbe avuto problemi, ma se fossi salito io mi avrebbe distrutto.

Abbiamo dovuto anche abituarci al fatto che fuori dal nostro paese siamo sempre rimasti stranieri, non importa quanto tempo ci siamo vissuti. Un altro onere è il finanziamento di un viaggio pluriennale. La paura di rimanere senza soldi mi ha stressato per molti anni. A volte è anche la scarsa assistenza medica nei paesi poveri o nelle regioni remote. Quando eravamo malati, di solito non c’era modo di tornare a casa velocemente e vedere uno specialista. A volte anche il cibo è un peso. In Mongolia ci è stata offerta una zuppa fatta di arterie tagliate e sangue. Una donna tra gli indiani Yanomami nella giungla venezuelana mi ha offerto delle termiti vive. In Australia un capo aborigeno ci ha invitato a mangiare vermi grigliati grossi come un dito. L’ospitalità rende imperativo mangiare qualcosa del genere. Un rifiuto sarebbe un grave insulto. Il clima subtropicale, le piogge costanti, il caldo ad oltre 70 gradi al sole o a meno 50 gradi in un inverno siberiano, sono state sfide serie.

Ma anche gli atteggiamenti e le credenze religiose, sciamaniche e mitiche sono vere sfide. Così abbiamo vissuto con monaci ortodossi, musulmani e cristiani fanatici, induisti, buddisti e anche sciamani. In alcuni casi la vita è determinata dalla credenza, a cui tu come viaggiatore o ospite devi sottometterti al cento per cento, non importa cosa ne pensi e non importa quanto a volte ci sia sembrato strano. Gli errori comportamentali possono essere fatali in un paese o nell’altro, in un caso o nell’altro. Tutto questo e molto altro sono sfide che abbiamo affrontato e continueremo ad affrontare in futuro.

Cosa ti ha convinto a dedicarti ad una vita in movimento?
Abbiamo iniziato il nostro “Grande Viaggio” nel 1991. Questo si è trasformato in un progetto di vita. Vivere il mondo e noi stessi è la cosa più bella che possiamo immaginare. Rinunciare in una certa misura alle pressioni della società e dei consumi. Che la vita rimanga degna di essere vissuta e che l’attenzione sia ancora su ciò che conta davvero. L’unione sulla nostra terra, le connessioni internazionali, la protezione dell’ambiente, la gioia di vivere e il nostro compito di ambasciatrici della Madre Terra per creare un documento contemporaneo. Questo sono le ragioni delle nostra scelta.

Durante i vostri viaggi avrete sicuramente incontrato situazioni rischiose?
Abbiamo effettivamente visto e sopravvissuto ad alcune situazioni difficili. Le forze della natura in Australia, come un ciclone di classe 5 con una velocità del vento di 280 km/h che infuria nei suoi occhi. Piogge continue che hanno trasformato il Great Sandy Desert in un lago e noi ci siamo trovati proprio nel mezzo. Un fronte di incendi boschivi lungo 1.000 km che ci ha minacciato per tre mesi e ogni giorno abbiamo cercato di scappare con i nostri cammelli. Stavamo lottando con un’enorme carenza d’acqua nel deserto cinese del Taklamakan quando uno dei nostri cammelli è caduto da una duna di sabbia e ha rotto i serbatoi dell’acqua.

In termini di salute, siamo stati salvati dal peggio alcune volte. Nei deserti australiani, Denis è quasi diventato cieco a causa di una superinfezione portata dalle mosche. In Romania un’operazione d’urgenza lo ha salvato dalla paraplegia dopo un incidente in bicicletta. Possiamo anche raccontare di una esplosione dell’articolazione della spalla in Vietnam quando Denis è caduto da un ponte di bambù sulla sua bicicletta nel cuore della notte. Abbiamo anche sofferto di intossicazioni alimentari, allergie e attacchi di asma dovuti allo smog in Cina.

Gli attacchi umani sono stati rari, ma facevano anche parte del nostro Grande Viaggio. Una volta ci è stato sparato un colpo. Un attacco con un coltello e un incontro con banditi sono le situazioni che ricordiamo quando rispondiamo a questa domanda. Omettiamo deliberatamente in questo elenco di dire in quali paesi, poiché non vogliamo denigrare alcun paese. Il più delle volte l’ospitalità e la cordialità delle persone sono molto alte. A parte questo, pensiamo che ci siano anche situazioni pericolose a casa nostra e che non sia necessario recarsi all’estero per essere in pericolo.

“Con il progetto “Il Grande Viaggio” celebriamo la 50esima spedizione e come ambasciatori di Madre Terra vogliamo documentare con immagini, filmati e testi come è oggi la nostra terra”

Le nostre calzature

Bentornato!

-10%

Ottieni subito il 10% di sconto ed entra a far parte della famiglia AKU.

Rimani aggiornato sulle novità e sulle avventure nella natura.

10%

Ottieni subito il 10% di sconto ed entra a far parte della famiglia AKU.

Rimani aggiornato sulle novità e sulle avventure nella natura.

CANADA

Thanks for Visiting AKU, Please Navigate to Our Canadian Site for the Best Experience.

USA

Thanks for Visiting AKU, Please Navigate to Our US Site for the Best Experience.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati i cookie di terze parti legati alla presenza dei social plugin. Proseguire la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezionando un elemento dello stesso comporta la prestazione di consenso all'utilizzo dei cookies. Per avere maggiori informazioni o modificare il vostro consenso all'utilizzo dei cookie clicca qui.

Chiudi

protetto da reCAPTCHA: privacy - termini